Caro direttore,
le scrivo questa lettera per esprimerle il mio rammarico, e il rammarico che provo mi spinge a scriverle questa lettera per esprimerle il mio rammarico. c’è rammarico nelle mie parole, e la lettera che sto scrivendole esprime il mio rammarico che esce dal mio cuore colmo di rammarico. e non è senza rammarico che le scrivo questa lettera che, devo dire, avrei preferito non scriverla, ma il rammarico che alberga nel mio cuore mi obbliga a scriverle questa lettera ripiena di rammarico. ci son cose che si fanno a cuor leggero, ed altre che si fanno pieni di rammarico, e questa è una di quelle cose che si fanno pieni di rammarico, come spero si noti in questa lettera ricolma di rammarico fino all’orlo. che delle volte vai al cinema, e magari c’è un film che aspetti di vedere da tanto tempo, o vai in libreria e vedi che è arrivato il libro di quell’autore che ti piace molto, e queste son cose che fan piacere, che proprio te ti senti soddisfatto e dici, che bello, questo è un momento da sorseggiare, e ci son degli altri momenti che son pieni di rammarico, che magari son quei momenti che vai via. a me mi dispiace andare via, che son colmo di rammarico, ma delle volte si deve andar via, si deve prender delle decisioni. ed è con il cuore pieno di rammarico, come spero che questa lettera colma di rammarico evidenzi, che vado via. le rassegno le mie dimissioni, direttore, con il cuore pieno di rammarico.