vita di blogger

Regola Plumbea

A volte, se non si ha niente da scrivere, è meglio non scrivere che scrivere.

Che poi scrivere, senza aver niente da scrivere, si corre il rischio di scriver delle cose che non si aveva intenzione di scrivere.

Allora, invece di scriver cose che non si aveva intenzione di scrivere, è meglio non scriver del tutto.

Solo che non scriver del tutto, delle volte poi si finisce col non scrivere.

E a volte, se non si ha niente da scrivere, è meglio scrivere che non scrivere.

Magari qualcosa vien fuori, chissà.

(non è questo il caso)

Standard

18 thoughts on “Regola Plumbea

  1. Pingback: Fermate la Pioggia

  2. Pingback: DaDo

  3. Pingback: dimensione angels of love

  4. Mah. Secondo me è meglio scrivere che non si scrive. Così si soddisfano entrambe le pulsioni contrastanti dell’anima (come parlo bene!). Adoro i compromessi!

  5. piallatrice says:

    Ti chiedo scusa se m’intrometto così nel tuo blog ma lo faccio per una giusta causa.
    Sono stufa dei blog fake e di tutto quello che ci propinano.
    Leggendo qua e la ho trovato questo blog che promuove un reality.
    http://www.vipditurno.splinder.com
    Io lo seguo come spettatrice da parecchio tempo e mi sono appassionata.
    Non ho mai commentato decidendo di rimanere nell’anonimato.
    Oggi però ho scoperto che questo gioco non è così trasparente e l’ho scoperto con quest’altro blog creato da poco
    http://www.vipditorno.splinder.com
    Divulgo qui questa informazione sperando di trovare in te una persona corretta e alleata che farà notare la falsità di alcune cose proprio come sto facendo io.
    T’invito a leggere e se ritieni giusto a commentare contro queste falsità.
    Basta con queste ca****te… non siamo stupidi e siamo stanchi di chi ci crede tali.

  6. ho cercato su google “plumbea” e ho trovato questa pagina. ora so cosa scrivere sul mio blog. faccio copia e incolla. grazie.

  7. ho visto che lo hai pubblicato. ti chiedo gentilmente di indicare la provenienza di quello scritto, altrimenti qualcuno potrebbe pensare che tu ne sia l’autore. grazie.

Rispondi