finlandia, vita di blogger

Ma come sono cortesi i finlandesi

In certi periodi ci sono cose che ti interessano più di altre, io per esempio in questo periodo, mi son abbastanza appassionato ad uno stato europeo che spesse volte viene trascurato; io, in questo periodo, per motivi imperscrutabili ai più, mi sto interessando alla Finlandia.

I motivi imperscrutabili ai più sarebbero, visto che questo blog si propone tra i suoi precipui obbiettivi la trasformazione della cultura esoterica in cultura essoterica, dicevo, questi motivi sarebbero che la settimana prossima noi (rullata di tamburi, please) si va in Finlandia.

E siccome io sono uno che quando va nei posti gli piace essere serio e documentato, tra le altre cose che sto leggendo, c’è anche una guida della Finlandia.

C’è una cosa nella guida della Finlandia che sto leggendo, una cosa che quando l’ho letta son rimasto impressionato.

Dice la guida della Finlandia che sto leggendo, che la Finlandia, nonostante sia schiacciata tra la Russia e la Svezia, e nonostante sia stata dominata in passato dalla Russia e dalla Svezia, nonostante queste cose, la Finlandia non può essere considerata né Russia né Svezia, e se si chiede ai Finlandesi se si sentano Svedesi, o se si sentano Russi, i Finlandesi, strabiliantemente, risponderanno che non si sentono né Russi né Svedesi, ma semplicemente Finlandesi.

Questa cosa mi ha colpito nel profondo.

Ecco la differenza tra i Finlandesi e gli Italiani, ho pensato.

Son uscito, son andato per strada, ho fermato della gente e gli chiedevo se si sentivano più Francesi o più Spagnoli o più Austriaci, ecco io andavo in giro chiedevo questa cosa alla gente, la gente non mi rispondeva Noi ci sentiamo Italiani.

La gente mi guardava male e basta.

Ecco la differenza, mi son detto: uno, in Finlandia, può andare in giro a chiedere alla gente se si sentano più Ciprioti o Lussemburghesi, e loro ti rispondono Finlandesi.

Gente cortese, i Finlandesi.

Adesso poi la settimana prossima, che ci vado, provo, e poi vi dico.

P.S. della finlandia s’era già parlato nel post Ente Nazionale del Turismo della Finlandia e in qualche altro post.

Technorati Tags: , , ,

Standard

37 thoughts on “Ma come sono cortesi i finlandesi

  1. Dei finlandesi m’affascina la lingua…Per dire “guarda!” dicono “katso!” (sì, si pronuncia proprio come stai pensando). In compenso l’”udito” per loro è “kuulo”…

  2. Nooo, ci lasci?… :’(
    Comunque questa cosa che dice PlacidaSignora, non è quella che disse Anna Falchi al Festival di Sanremo di non so più quale anno, scandalizzando il povero Pippo nazionale?…

  3. Forse perché gli Italiani non sono Finlandesi? O meglio… Forse perché in Italia l’identità nazionale è una cosa che sembra scontata? E non è più così forte come dovrebbe…? Tranne che duramte i mondiali…? Questo potrebbe essere il problema… Ragazzi che mega-pallino…

  4. placida e gloriamundi: me lo ricordo bene la falchi cosa disse :)

    gloriamundi: ma non vi lascio mica soli. vado via una settimana sola, e comunque, troverò il modo di scrivere lo stesso, prima, durante o dopo.

    lophelia: c’è della gente in giro che te la raccomando

    davide: sai che ci avevo pensato a sta frase come titolo del post, ma poi non mi piaceva perché non faceva rima?
    probabilmente non l’han mai inventato per quello.

    notedibordo: scervellati pure te che io non ci ho voglia :)

  5. fior di facezia
    mille i colori che finlandia screzia
    sia russia o svezia purché non elvezia

    fiorin d’inezia
    finiscono le rime, cosa fare?
    speriamo la finlandia sia delizia

  6. :-) Già il blog non è tutto fiorellini… ok, sospediamo almeno i pallini!
    Torniamo alla Finlandia, che dev’essere una terra maggggica. Attenderò con pazienza il resoconto…

  7. Io ci stetti tanti anni fa. In inverno pieno però… un freddo. Se riesci fai un salto a Tallin (Estonia). Si prende il traghetto da Helsinki, si fa in giornata e merita veramente…

  8. Pingback: VISTI DA LONTANO

  9. sweetpoisongirl says:

    EHM…scusate l’introduzione così su due piedi…anche io sono stata nell’amata Finlandia…loro hanno una cosa che ahimè molti nostri connazionali (vi sta parlando una meridionale!!!) faticano ad avere: Rispetto per il prossimo e rispetto per le leggi!…ho anche lavorato con dei finlandesi e devo dire che mi hanno sempre dato massima fiducia nonostante fossi alle prime armi. Cmq sicuramente hanno i loro difetti, non lo metto in dubbio, ma hanno anche ragione a dire certe cose su di noi …dovremmo solo prendere esempio e sfruttare al meglio la situazione (dimostriamo che non siamo tutti uguali!!!)…per loro conta molto conoscere bene la gente così non commettono, da subito, l’errore di “abusare” di “discriminazioni”.

    Bhe io parlo sempre in base alla mia esperienza…è ovvio che alla fine ognuno poi dice la sua…ah cmq a differenza nostra, come sopra si è detto, loro rispondono sempre alle domande che vengono poste!!! (sarà che amano la loro patria davvero tanto) e non come da noi che ti mandano a quel paese in un batter d’occhio (esperienza anche questa!)…cmq…Hyvää Paivää!!! (buona giornata!)

    ps: spero di averlo scritto correttamente..altrimenti la mia insegnante mi “mena” :P

  10. Niobeyes says:

    Di finlandese ke mi affascina ce n’è uno solo: Ville Laihiala!!!Se vai in giro cerca anke lui…nn credo sarà cosi cortese però…

  11. Pingback: e io che mi pensavo… : Cose della Finlandia che non ci sono scritte sulla guida della Lonely Planet

  12. Angela- Tipi says:

    …sono nata e cresciuta in Finlandia. Sulla carta sono finlandese per 1/2, ma la mia cultura è finlandese, e anche il mio aspetto e ne sono orgogliosa. Mi rattrista ogni volta che mi trovo a dichiararmi italiana 100% davanti ai signori (di qualunque età)per evitare beccare il luogo comune: nordica facile…ancora ai miei 49 anni e dopo 28 anni in Italia!

  13. nikki says:

    io amo la finlandia!sono italiana(romagnola) e mi sono stufata della falsità che riscontro nell’italiano medio,spesso codardo,mammone e poco maturo,x non parlare del romantico x convenienza…vivendo vicino a rimini ho riscontrato il diverso comportamento di svedesi finlandesi svizzeri in vacanza,molto piu carino di molti italiani ma fra questi i finlandesi mi hanno sempre ispirato…mi davano l’idea di gente rispettosa e ora mi sto documentando… devo dire che non avevo torto da quello che leggo in giro x internet…mi viene voglia di partire domani!!!!!

  14. AmicodiPenna says:

    “Ecco la differenza tra i Finlandesi e gli Italiani, ho pensato.
    Son uscito, son andato per strada, ho fermato della gente e gli chiedevo se si sentivano più Francesi o più Spagnoli o più Austriaci, ecco io andavo in giro chiedevo questa cosa alla gente, la gente non mi rispondeva Noi ci sentiamo Italiani.
    La gente mi guardava male e basta.
    Ecco la differenza, mi son detto: uno, in Finlandia, può andare in giro a chiedere alla gente se si sentano più Ciprioti o Lussemburghesi, e loro ti rispondono Finlandesi.”

    Ecco dove sta il leccaculismo:se fosse successo il contrario avresti detto “ecco la differenza tra italiani e finlandesi: i finlandesi a una tale domanda idiota non ti rispondono neanche,perchè per loro è scontato che si sentono finlandesi invece gli italiani sentono il bisogno di rispondere come ci fosse pure da pensarci su (come a dire che non hanno senso della nazionalità)….almeno è questo che Jekko voleva dire credo.Personalmente anche io ti avrei guardato come se mi avessi fatto la domanda più idiota del mondo perchè non mi sento nè austriaco nè francese nè spagnolo,nemmeno lontanamente,… così come non ho bisogno di rispondere se mi chiedono se mi senta più rettile,mammifero o uccello.Avere pregiudizi contro la propria stessa gente è davero lo stato d’esistenza più squallido del mondo..ma è un vizio che ha la stragrande maggioranza degli italioti abituatissimi a sputacchiare sul proprio paese e ad esaltare persino la pupù degli altri.

  15. AmicodiPenna says:

    Allora magari potresti spiegarmelo (compresa la massima sull’umorismo e il coraggio),perchè sè c’è un messaggio nascosto,io come altri,non l’ho evinto e potrei vedermi costretto a rivedere quello che ho scritto.

  16. Jekko says:

    AmicodiPenna non perdere tempo.Come puoi vedere non ha argomentazioni.Come hai detto tu è il classico italiota qualunquista che per deformazione culturale sa solo gettare cacca sul suo paese esaltando per leccaculismo quella degli altri perché convinto che sia sinonimo di apertura mentale,ma che tuttavia si offende se lo attacchi sul piano personale.Parla di ironia e di coraggio quando non ha nessuna delle due cose.Ne hai molto più tu che hai detto le cose come stanno.Rispetto.

  17. non so cosa scrivere ciaoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  18. FINLANDIA PASSATO E PRESENTE ( E IN FUTURO ?)

    Finlandia,Finladia,Finlandia…Tutti dicono Finlandia,se ne riempiono la bocca.Non sono tutte rose e altri fiori le persone in Finlandia.Esistono pure le persone poco raccomandabili in Finlandia. Gia’,certamente.Esistono pure la’ ,nella terra di Sibelius. E chi lo avrebbe detto?Ma come,i mascalzoni non stavano solo in Italia?No,mie cari e mie care.E’ riduttivo ed autolesivo pensarlo o crederlo.Stanno ovunque.Proprio come pure le brave persone ,le puoi trovare pure in Finlandia.
    E’ bella e brutta,dipende,la Finlandia.Proprio come ogni altro Paese al mondo ha i lati belli e quelli sconvenienti e persino quelli orrendi.
    Esistono pure i finlandesi balordi e le finlandese balorde. Si’ i popoli esistono,ma soprattutto esistono le persone.E da persona a persona ci sono le differenze. In Finlandia ho conosciuto la brava gente e le canaglie,persone maleducate e razziste.Io ho viaggiato tanto,ovunque sia stato ho incontrato la gente buona e quella cattiva o moltissimo maleducata .Pure in Finlandia e pure in Italia..

    L ‘inverno in Finlandia e’ terribilmente buio e freddo.

    In Finlandia,se sei un italiano povero e vai a chiedere un lavoro rischi il pregiudizio,l’infamia,di essere considerato un italiano da disprezzare ( Makarooni ). E sfruttato,pagato sotto tariffa.Se mai un lavoro riesci ad ottenere.

    Ma io fui fortunato una volta ,in Finlandia conobbi due bravissime persone.Kauko R. e una giovane ed onesta donna.

    Se vai in Finlandia e hai i soldi ,tanti..,forse riuscirai a non sentirti troppo solo persino a Helsinki.

    Vladimiro Rinaldi
    ( sito web: http://www.apoesidi.com)

Rispondi