vita di blogger

Intrusione.

Buongiorno a tutti.
Scusate l’intrusione.
Lasciate che mi presenti.
Io sono colui il quale fisicamente scrive questo blog.
Sono colui il quale plasma discorsi informi per tramutarli nelle parole che leggete, chi tutti i giorni, chi ogni tanto, chi casualmente, cercando la parola fighe sui motori di ricerca.
Mi sono introdotto in questo blog, senza la mediazione di quell’ente impalpabile detto Eìo, per informare lo spettabile pubblico che durante lo scorso week-end sono avvenuti dei fatti incresciosi, dei quali una buona descrizione è stata data da stark, per esempio, e per ringraziare il padrone di casa, senza il quale tutto questo non sarebbe possibile.
Quoto quindi totalmente il post di Fran, e mando petali di rose ai suoi simpatici commentatori.

P.S. noto che colgono al balzo anche Samuele, PorcoMondoLibro e Oscar (che ha un blog, parlando in termini di struttura, diversissimo da ogni altro che leggo)

Technorati Tags: , , ,

Standard

16 thoughts on “Intrusione.

  1. Pingback: PorcoMondoLibro

  2. A. says:

    Eìo, mi appello a te…
    io dovevo andarmene a lavorare in banca, 2 anni fa, e allora mi son messo a cercare su internet in un momento di scoramento, “vita del bancario”, che c’avevo una paura bestia, della mia vita futura da bancario, di non avere tempo per suonare, per fare tutte le mie cose che con la banca non c’entrano una renga….ho beccato il tuo blog e non sai quanto mi ha tirato su, vedere (musica di violini suonati dal vento….)la persona che sei e che in fondo si poteva, essendo bancari, continuare ad essere spiriti liberi, non mi spiego bene, ma forse hai capito….insomma mi son tirato su di morale parecchio, ho iniziato a lavorare a metà agosto, i primi di settembre mi son licenziato, che avevo passato un concorso statale e mi sembrava meglio sotto tutti i punti di vista….mi aveva un po’ scioccato “la vita del bancario”, e me ne sono andato….
    per fartela breve, adesso dopo due anni sono ritornato in banca, (la stessa…), perchè m’hanno preso in un momento di debolezza (loro, io non cercavo lavoro….)
    e mi hanno offerto un po’ di soldi in più, e io, con la casa da pagare, ho accettato e ho lasciato tutto dall’altra parte per tornare non nello stesso posto, non nello stesso ruolo, ma nella stessa banca…
    oggi vado su internet, che c’avevo voglia di essere tirato su come ai vecchi tempi da Eìochemipensavo e….ZAC!!!rescissione netta, brutale, delle balle: perchè, Eìo?
    Forse che avevo ragione io che in banca si rischia la morte cerebrale?
    Cosa stai facendo adesso?
    Eìo cosa farò adessooo????
    mi viene un po’ da piangere dentro….

  3. Ho letto qui e lì cosa è successo… Ma com’è stato possibile tutto ciò? Rischiamo tutti con un semplice wordpress oppure lo script maligno sul vostro dominio era un altro?

  4. Sig. Eìo, pregiatissimo. Io quei commentatori non li vedo molto validi. Tipo, chessò se mi commentasse nonna papera potrei anche crederci, ma quel commento di quel sig.Stark lì mi sembra un’autoincensatura sanza vergogna. Insomma.

    Comunque evviva i blog diludovico [l'unica pecca è che vi mancano degli sglaps]

  5. Pingback: ..:Pensiero Atipico - Samuele Silva:..

  6. Anonimo says:

    marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi marco conidi

  7. Pingback: kimota » Blog Archive » Psicodrammi contemporanei

  8. Giancarlo Tramutoli says:

    A.
    Coraggio,
    in banca si può sopravvivere…
    dal 1989 (da quando è cominciata l’avventura) ho pubblicato otto libri, ne ho letto molti di più, dipinto centinaia di quadri e a tutt’oggi, respiro.
    :-)

  9. Caro A.
    ti ho fatto rispondere da Giancarlo, e ho fatto bene. Io conosco parecchia gente che in banca ci sta bene. Io personalmente arrivavo a casa e mi addormentavo. Avevo la possibilità di fare altro, e quando ho potuto, ho scelto.
    Per ora mi sembra di aver scelto bene.
    Poi, dipende anche dalla banca in cui lavori e da un sacco di altre variabili, ma io, in banca, non ci tornerei.
    Comunque di Giancarlo fidati, che in banca, lui, è uno che conta.
    Fa il cassiere.

  10. A. says:

    Grazie Eìo…
    con rinnovato spirito combattivo, sprezzante del pericolo mi riarmo di speranza e di slancio riaccendo la mia calcolatrice…fatto!
    …che son soddisfazioni anche queste ;)!

  11. Và che stamattina son stato in giro per buona parte della mattinata, con la pioggia che c’era e il freddo che faceva, e io m’ero anche sbagliato a vestirmi, poi son passato in banca verso la mezza loro eran tutti lì caldi e ben vestiti stavan bene. :D

Rispondi