16 thoughts on “Fiat

  1. È che non sono più abituati, a questo piglio deciso. Devi titubare stringendoti alla chiappa il portafoglio, devi chiedere le specifiche gli accessori il consumo al litro, gli airbag sotto il sedile il tettuccio apribile il tasto eject, il paracadute il turbo boost e soprattutto, il subwoofer. Poi accennare al prezzo, contorcerti alla cifra, voltare lo sguardo verso la vetrina la strada le distese libere in cui scorrazzavano i nostri progenitori liberi dalle catene del finanziamento, finalmente trovare il coraggio di chiedere di dilazionare il pagamento, in settanta volte sette rate, docile il guardo, i polsi protesi incrociati di fronte, poi finalmente guardare il venditore, gli occhi umidi, sulla punta della lingua quasi quasi una richiesta, uno sconto no, non si può, un modello più economico, no, è troppo tardi, ormai si è inguaiati.
    Non si entra più in un concessionario come hai fatto tu: con quel tono oramai si dice solo “questa è una rapina”.

  2. Secondo me non gli era mai capitato. In genere alla Fiat si entra per far due chiacchiere, chiedere un’informazione, scroccare un paio di agendine. Lo hai spiazzato.

  3. Disgraziatamente loro lo sanno, che il principale problema è la rete vendita. Stanno facendo tonnellate di formazione sui dipendenti delle Concessionarie.
    Segnala il problema al numero verde, vedrai che, incredibile ma vero, inviteranno subito i simpatici addetti che hai disturbato, ad un corso apposito.

    Ah, se “allunghi la strada” e passi da Torino, passa al Motor Village di Mirafiori; se poi ci passi sabato o domenica, ci puoi trovare anche gli ingegneri che le macchine le hanno progettate, a spiegarti tutto quello che vuoi… E’ una bella idea, e la struttura è SPLENDIDA.

    Disclaimer per chi non mi conoscesse: NON lavoro per Fiat…

  4. fortunatamente qualche centinaio di metri più in là c’era un concessionario di una marca concorrente dove c’era un venditore che non solo mi ha sorriso, ma mi è stato anche simpatico a pelle. beh, non posso dire di non averci provato, a comprare fiat.
    (pensa che ho dovuto persino segnarmi io i prezzi, con la penna che avevo in tasca, sul retro di uno scontrino che avevo nel portafoglio)

  5. A. says:

    Forse ha una provvigione a scalare, sulle auto che riesce a non vendere….
    …forse aveva promesso quell’auto a sua cognata…
    forse l’auto che volevi comprare lì in concessionaria è proprio quella in cui lui si infila alla sera dopo la chiusura con l’avvenente ragazza delle pulizie, tale Svetlana, a far cose porcelline (ho sentito da fonti certe che è tanto famosa questa cosa della Svetlana che in onore della sua vivacità orgasmica la Fiat, su consiglio del venditore che hai conosciuto tu, le ha dedicato un’auto: la “Multipla”)…
    …per questo ci era affezionato…;)
    forse…

  6. non ti hanno detto se passa un po’ fa lo stesso come fanno i macellai?

    Mia zia germana ha fatto più o meno come te. Le è morta la macchina, è entrata in un negozio di macchine e ha detto, però: “Voglio questa” Una macchina piccola.

    Io e Marco è da tre anni che pensiamo di netrare in una concessionaria perchè la punto ha 215.00 KM ma siamo ancora lì a cincischiare. Ecco noi siamo i clienti che meritano la faccia da funerale del venditore. Siamo un disastro.

    Scusa ma non trovo la tua email nemmeno nel firltro antispam, intendo quella che hai spedito il 26 di ottobre, me la rimaderesti? grazie
    l’indirizzo email che hai è giusto

  7. Sicuro di essere entrato alla Fiat giusta?
    Non è che guardandoti attorno avresti visto pile e pile (ma no, non le pile!) di scatole (vedi? scatole, non pile) di cremini?

    Gnam.

  8. io, ormai, non so se leggere prima il post o prima i tag, che dopo incapacità dell’uomo moderno di interfacciarsi con la tecnologia, anche come far sentire a proprio agio il cliente non è male :-)
    (io comunque ho una vecchia 500, se può interessare, devi solo farla portare lì da te)

  9. “Sbagli, t’inganni, ti sbagli, oh eìo,
    Io non ti guardavo con malignità
    Era solamente uno sguardo stupito,
    Cosa ci fai, in fiat, oggi, qua??!!

  10. Peccato trovarsi venditori così anche perché la fiat si sta uovendo molto bene (vd i nuovi prodotti e i siti collegati)!
    Ma hai provato altre concessionarie?

  11. ERMIPIO says:

    HO ACQUISTATO IL 27 OTTOBRE 2006 UNA FIAT STILO SW FEEL. DUE GIORNI DOPO HO CERCATO IL MANUALE DI ISTRUZIONE MA NON L’HO TROVATO!
    MI SONO PRECIPITATO, ALLORA, A CERCARE IL LIBRETTO CONTENENTE I TAGLIANDI PER I SUCCESSIVI CONTROLLI E PER LA GARANZIA, MA NON HO TROVATO NEANCHE QUESTO!
    DELUSO, HO LETTO IL LIBRETTO DI ISTRUZIONE DELL’AUTORADIO, E NELLO SCORRERLO HO VISTO CHE AVREI DOVUTO CONSERVARE IN UN LUOGO SICURO IL CODICE DI ATTIVAZIONE, DA USARE IN CASO DI INTERRUZIONE DELLA CORRENTE.
    HO DISPERATAMENTE CERCATO QUESTO CODICE, MA DI ESSO NEMMENO L’OMBRA!
    CONTATTATO ( IL GIORNO 31/10) TELEFONICAMENTE IL DIPENDENTE DELLA CONCESSIONARIA CON CUI AVEVO TRATTATO L’ACQUISTO, QUESTI MI HA ASSICURATO CHE OGGI (2/11) AVREI TROVATO IL TUTTO PRESSO L’AGENZIA.
    QUESTA MATTINA, PRIMA DI RECARMI A RITIRARE QUANTO A ME DOVUTO, HO TELEFONATO NUOVAMENTE ALLA CONCESSIONARIA E MI è STATO RISPOSTO CHE L’ADDETTO ALLE VENDITE CON CUI AVEVO TRATTATO OGGI ERA IN FERIE E GLI ALTRI ADDETTI NON SAPEVANO NULLA DEL MIO PROBLEMA!
    FORSE SARò UN Pò ESAGERATO, PERò IL TUTTO MI FA PENSARE DI ESSERMI IMBATTUTO IN PERSONE NON PROFESSIONALI E POCO SERIE.
    SPERO CHE QUESTO SIA SOLO UN PROBLEMA LOCALE E NON DIPENDA DA UNA SCARSA SORVEGLIANZA DELLA CASA MADRE.
    ROBERTO GARDINI

  12. Angelo says:

    Qualcuno può dirmi come faccio a scrivere a qualcuno in Fiat per descrivere le prese in giro di un concessionario? Sui vari siti non ho trovato nessuna possibilità di scrivere.
    Grazie
    Angelo

  13. luce says:

    se entri ora da un concessionario Fiat per acquistare una macchina ti offrono caffè e pasticcini.

Rispondi