La giornata di oggi è stata segnata dall’arrivo improvviso di molte mail che avevano come oggetto “X has TAGGED you”, dove X è il nome di un bloggher a caso. Beh, capita che poi uno ci clicchi e si iscriva per non dispiacere all’invitante, e poi si ritrovi ad aver spedito inviti a sua volta tutta la sua rubrica. Bello no?

Io non l’ho cliccato, e se ascoltate me, non lo farete neanche voi.

Non avete idea di che nomi sono caduti in questa trappola.

Come si dice, persone insospettabili.

Non lo fate.

Tagged è pessimo.