vita di blogger

Combopost

* Alla riga 8 di pagina 119 del libro Un mucchio di cadaveri di Jean-Patrick Manchette, edito da Einaudi nel 2003 ([ibs](http://www.internetbookshop.it/code/9788806166267/manchette-jean-patrick/mucchio-cadaveri.html)) c’è scritto
*”Volevano sapere cosa ci venivo a fare a casa sua, e ho detto che ci eravamo conosciuti l’*h*anno scorso”*
quel che vorrei sapere: l’errore c’è solo nella mia copia oppure c’è su tutte? No, perché è difficilissimamente catalogabile come refuso.

* Visto che me lo chiedono in tanti, no, [La Persona Depressa](http://lapersonadepressa.tumblr.com/) non sono io, anche se un po’ me ne dispiaccio, visto che [il video](http://lapersonadepressa.tumblr.com/post/19474463) mi ha fatto davvero ridere.

* Ho sentito ieri alla radio una pubblicità che diceva che era uscita la compilation delle migliori canzoni di Ligabue. Dopo che l’ho sentita (la pubblicità, eh, non la compilation) son stato così allegro come non succedeva da quando avevo scoperto che aveva fatto un libro di poesie.

* Quando ho salvato questo post, il programma mi ha detto: *Sei davvero sicuro di voler aggiungere questo articolo?* (ecco, se i programmi per bloggare cominciano a fare un controllo di qualità, la blogosfera l’è bell’e che spacciata).

Standard

48 thoughts on “Combopost

  1. Pingback: iMod on tumblr

  2. Pingback: Quasi.Tumblr.

  3. Pingback: MisterWebby.com - Internet News

  4. Bello il refuso che (h)anno dimenticato di correggere. Meglio non affidarsi troppo del correttore ortografico di Words. ;)
    Sicuramente meglio di un libro di Stephen Kings che mi hanno regalato nel quale mancano 2 pagine centrali, o meglio, non erano state stampate e risultavano completamente bianche! Forse diventerà un libro da collezione? (bah)

  5. Mitì ha ragione…roba da far accapponare la pelle…
    E se li correggessero in automatico senza chiedere niente? L’invasione degli ultrablog! O_o

  6. Scusate lo sfogo, ma sono un po’ stanca della storia “Ah,ah, ah, adesso gli editori usano soltanto il correttore automatico di Word, che idioti!” Nelle case editrici serie (e quella del tuo libro è seria) le bozze si leggono. Badate: non sto accampando scuse per giustificare un errore agghiacciante. Dico soltanto che saper leggere le bozze è un’arte quasi perduta e che, pure su un libro relativamente piccolo come “Un mucchio di cadaveri”, qualcosa sfugge. SEMPRE.
    Mi permetto anche di rispondere a inuyaksa: durante la stampa di un libro possono succedere incidenti sciagurati (pagine invertite, bianche, eccetera). Non dovrebbe accadere, ma nessuno è perfetto. In quei casi, si manda un’e-mail alla casa editrice, che di solito sostituisce il libro.
    [Uh, che tono da maestrina ha questo commento! Uffa, volevo soltanto spiegare, non fare polemiche, eh?]

  7. Secondo me, quando il computer comincia a dare consigli vuol dire che si è affezionato e da semplice accozzaglia di chip, viti e fili, è diventato un amico :D

  8. Anche dentro Principessa di sangue, sempre di Manchette (anche per colpa di Sauro, le mie letture ultimamente sono un po’ monocromatiche), c’è la parola “dettw” che sta per “detto”, non ricordo la pagina ma vado a cercarla, se serve. So bene che le bozze vengono lette. Lo so bene perché ci son passato ultimamente (io, Stefano e la redattrice ci abbiam passato un bel po’ di tempo, sopra). Famo così, Catriona, se trovi un refuso su questo libro siam pari. Io spero che non lo trovi ;)
    (se c’è è solo sulla tua copia :) )

    • Sul refuso spero sia così.
    • LPD non potresti essere tu anche perchè sei nel video.
    • Su Ligabue non sapevo: ahahahaha!
    • Oh quello si che sarebbe un bel controllo qualità: cancellarti magari anche il post se scrivi cazzate.
  9. Oh, veid che strano, son ‘pena tornato dal cimitero che oggi riesumavano i miei nonni, apro questo blog e nella prima riga si parla di un mucchio di cadaveri, anche se là più che di cadaveri era un mucchio di roba indefinibile da cui hanno estratto qualche osso…

  10. dancer says:

    mah, ti dico..ligabue un tempo mi piaceva, anche se moolto difficile da cantare, se scimmiotti la voce che lui ha una raucedine congenita, dice..,mi piaceva quando era ruspantello, ancora legato alla “via emilia e il west” gucciniana. poi mi si è imborghesito troppo, fa troppo il figo, si sente un filosofo conoscitore di tutte le verità, mantre suona e canta e incide e fa film solo per il denaro e per la fama, anche se i due film erano molto belli..ma l’ultimo libro di poesie, non compratelo vi prego, fa spavento, mi ha fatto rimanere senza parole, meno male che me l’hanno regalato, eh…riporto:

    liberi tutti

    va bene dio
    hai vinto tu
    sei sempre il migliore
    ora però
    basta rimpiattino
    giochiamo a qualcos’altro
    vuoi??

    ..e questa è la migliore..detto tutto..

  11. @Dario Savelli: bah, secondo me LDP è cmq di BlogBabel. Non ho prove, lo dico a prescindere, per partito preso. Sono un complottista di lunga data :-)

    @eìo: ma davvero ti è piaciuto il video? A me m’ha annoiato parecchiotto. Solo la intro con Babbigionz mi pare valida.

    Cmq su iu tiub risulta che il video è stato caricado da loro. Visto che capisco na mazza, qualcuno mi dice che è e che c’entra con LDP?

  12. maeandro says:

    Non condivido l’ironia sul Ligabue. Non che sia il mio autore preferito e che la sua canzone migliore per me è “rane a Rubiera blues” ma gli artisti bisogna lasciarli in pace e se ti piacciono li ascolti altrimenti li ignori

  13. Confermo il “refuso” nel libro di Manchette.
    E rilancio con “C’è n’è una, in particolare, presso la sede della direzione del FSB” in questo libro, che spero tutti ora comprino per controllare che il refuso c’è.

  14. Ah, e poi il “the best” di Ligabue è uscito da tempo. Io ce l’ho proprio qui sul tavolo. Sulla copertina c’è scritto “TDK – CD-R80 – CD Recordable/CD Enregistrable – 700MB 80MIN UP TO 52x SPEED”. Certo, un titolo strano.

  15. @maeandro: è che io pensavo di ascoltar delle radio dove ligabue non lo passavano, e infatti non l’han passato, ma poi han messo la pubblicità e m’han costretto ad ascoltarlo. giuro che non l’ho fatto apposta :)

    @antonio che titolo strano, sembra un titolo degli autechre ;)

    @edo perché dici che l’ha caricato n3ttv? io non lo vedo, se non nei video correlati…

  16. kutavness says:

    Certo che a leggere un refuso simile e ad essere informato obtorto collo che è uscita l’ennesima compilèscion di Ligabue, anch’io diventerei una Persona Depressa. Logico che a quel punto anche il PC non ne può più!

  17. Pingback: Le discussioni delle ultime 48 ore » BlogBabel

  18. @eìo: ovviamente perché sono un coglione, ecco perché. Tacci mia, ho visto il link dopo aver aperto un video di Fabio Aka Sw4n83 e avrò associato male. Mi nascondo dalla vergogna.

  19. adesso dobbiamo CONTROLLARE TUTTE LE COPIE! :)

    (ma qual è il manchette che non tradurranno e che tu hai in quella lingua barbara che io so leggere ma non so parlare?)

  20. Chiedo scusa per il monocromatismo delle letture. A proposito, Eio, ti ho mai detto che ho comprato un libro di Manchette in francese, quello che non verrà tradotto… ;-)

  21. TU LA SAI LEGGERE?! ALLOR… (cioè, calma…) tu la sai leggere? Allora ti mando il libro (“Laisser bronzer le cadavres”)(Mi sa che Manchette era un po’ fissato con i cadaveri), che è il primo che scrisse, così poi mi dici com’è! :-)

  22. la cosa strana, per me, è che fino a una settimana fa non sapevo nemmeno che esistesse ‘sta persona depressa, mo’ ho conosciuto un tipo, che mi ha fatto conoscere altri tipi, che conoscevano il blog della LPD e mi rendo conto che una parte dei blogger non fa che parlare di questa…. ma mi spiegate perchè? io mica l’ho ancora capito =S

  23. becks says:

    nel penultimo libro letto: “Rabbia” di Chuck Palahniuk(libro bellissimo), ci sono almeno 4/5 typo, niente di grave eh…. piu’ di quelli che trovi sul corriere della sera e meno di quelli che trovi sulla provincia pavese, ma sinceramente di segnarli e di inviarli non ci avevo mica voglia…

  24. Pingback: 30 seconds to Tambu · Tormentone LPD

  25. Pingback: Il libro dei Fincipit - intervista all’autore (a uno dei tanti, almeno) : Stati di Sonnolenza

  26. Pingback: Il libro dei Fincipit - intervista all’autore (a uno dei tanti, almeno) : Cabaret Bisanzio

Rispondi