26 thoughts on “Pubbliche relazioni

  1. Quando io avevo Calzedonia richiedevo alla mia commessa di indossare le calze che meno si vendevano… viste su un paio di belle gambe diventavano subito richiestissime :P

  2. Si vede che non siete mai venuti (ehm) in America in un negozio di Victoria Secrets. Calzedonia ed Intimissimi a confronto sono bazzecole…

  3. Quasi… hai presente Adriana Lima, quella che una volta contava le paperelle per la Tim, ecco adesso lavora per Victoria Secrets (da almeno un paio d’anni, che io ricordi). Non aggiungo altro… se non di andarvi a guardare il loro sito :) Ecco, nel negozio le cose diciamo che non sono poi del tutto diverse!

  4. maeandro says:

    NESSUNI ACQUISTA IL PRODOTTO RICORDATE QUESTO.SI ACQUISTA IL VENDITORE,PIACI A QUELLA PERSONA E VENDI IL FOLLETTO.LO DICE UN AGENTE.BACI

    Alessandro, era stata questa l’ispirazione?

  5. eh eh, quello/a lì è un mito :)
    (può essere eh, non so mica da dove mi escono ste cose)
    (anche se un sospetto ce l’ho)

    (tra l’altro al commento di kutavness non avevo pensato, devo provare a passare di là una di queste mattine)

  6. A me è successo da Intimissimi. Una commessa su una scala stava prezzando la merce in saldo. Le è caduto un fascio di calzetti e si è piegata per raccoglierli. Mi sono incuriosito sul tipo di mutanda che quel franchising impone alle dipendenti. Niente. Non indossava biancheria. Però non sono rimasto deluso.

  7. carlo says:

    l’importante è non andare da calzedonia a sanremo, commesse e titolare antipatici e arroganti oltre che molto brutti tutti

  8. besugo says:

    una mia amica lavora in un negozio ed è assillata ogni giorno dalla questione dello scontrino medio, che deve essere alto: quasi non importa il fatturato ma lo scontrino medio

    anche a voi risulta?

Rispondi