L’altro ieri sera avevo bisogno di una cosa che era in una scatola, son entrato nella stanza delle scatole, mi è sembrato di sentire una voce, ho detto Chi ha parlato?
C’era un omino lì nella stanza, dietro una scatola, ha detto, È facile.
È facile? In che senso è facile, Chi ha parlato? ho detto.
È facile. Hai parlato tu.
E quando avrei parlato? gli ho chiesto.
Un attimo fa, ha detto.
E cosa avrei detto?
Hai detto, mi ha detto, Chi ha parlato?
E certo, ho detto, perché mi è sembrato di sentire una voce. Hai parlato tu?
No, mi ha detto, sei stato tu.
E quando, gli ho detto.
E lui, Poco fa.
Ma dai, gli ho detto, e cosa mai avrei detto?
Hai detto, chiaramente, Chi ha parlato?

Dopo son rimasto lì tutta la notte. Poi, ieri mattina, verso le otto, l’omino mi ha detto Scusa un secondo che ho dimenticato le sigarette, è sparito dietro una scatola, e non l’ho più visto.
Son ancora qua che lo aspetto per finire il discorso.