Son qua, in un ospedale, più precisamente in una sala d’aspetto di un ospedale, e seduto vicino a me c’è un signore che parla come Darth Vader e respira come Darth Vader; e io lo so, che son disgrazie, io lo so, che quel signore dovrà probabilmente convivere con quella voce e con quel respiro tutta la vita, e io lo so che non dovrei scherzarci su, ma quando son arrivato qui, è un dato di fatto, quando son arrivato qui ero di cattivo umore, e adesso che vicino a me c’è Darth, boh, non lo son quasi più.