Domenica mattina. Compro il giornale. Ho appuntamento con i miei per il caffè. Non li vedo. Accendo la musica nelle orecchie. C’è un blocco di cemento, un dissuasore contro il parcheggio selvaggio. Ci salgo su, in piedi. Cerco i miei. Non li vedo. Do un’occhiata al giornale, lì, in piedi sul dissuasore. Dopo un po’, alzo gli occhi dal giornale. Tre turisti tedeschi, fermi davanti a me da chissà quanto, discutono tra loro mentre mi guardano con interesse.