Niente. Neanche lo stratagemma della Pagina a caso su Wikipedia mi aiuta. Non c’è niente dentro la testa che possa stare anche dentro un blog. Non è che suona vuota: se suonasse vuota ci sarebbe un sacco di spazio per cose che potrebbero starci dentro, e stare anche in un blog. Non fa il rumore del cartongesso, fa il rumore di uno di quei bei muri portanti di una volta, spessi un metro e mezzo, che riparano ancora oggi dal freddo e dal caldo, che la gente quando entra ti dice Ma che bella temperatura. È perché è piena, la testa, ma non di cose che si possono scrivere in un blog, è piena di altre cose che forse non ci stanno, o forse ci stanno, ma bisogna trovare il modo, ma avendo la testa piena di cose uno non riesce neanche a trovare il modo. Tra l’altro, m’è venuto in mente, sull’argomento del cartongesso, che a scuola uno aveva tirato un pugno nel muro di cartongesso, credo che il buco ci sia ancora adesso.