Senza categoria

Un post contro di te

Non lo so perché fai così. Non mi sembra giusto che tu stia lì sempre a contraddirmi. Se ti dico una cosa, per esempio che mi sono dimagriti i piedi, non è che te puoi sempre star lì a dire cose tipo che magari invece mi sono allargate le scarpe, che con l’uso han preso la forma del piede, non puoi. Ma ti sembra giusto che io debba sempre argomentare delle affermazioni che per me son dei dati di fatto, come per esempio che mi si son dimagriti i piedi, affermazioni che per me sono anche un certo qual vanto, cosa vuoi che ti dica, quanta gente conosci a cui sono dimagriti i piedi? È fantastico! Io arrivo lì, sono tutto felice perché mi si son dimagriti i piedi, e tu lì a contestare, a fare il pistino, a sproloquiare sul fatto che di sicuro mi sbaglio, e non va bene. Ci vuol della fiducia, non delle prese di posizione ideologizzate, della fiducia tra me e te, se ti dico che mi si son dimagriti i piedi, mi si son dimagriti i piedi, non ho mica detto cose tipo che ieri sera son stato sulla luna e che posso dimostrare che è fatta di formaggio, che anche questa poi è una affermazione interessante, magari comunque lì, a differenza dei piedi che dimagriscono, ci sarebbe da discutere, che ci son i buchi nel formaggio, che bisogna stare attenti a non cadere, che magari poi è uno di quei formaggi coi vermi e non lo sai nello spazio come si sviluppano, i vermi, magari son grossissimi e ti mangiano, c’è il rischio, e allora bisogna star attenti a andar sulla luna, magari uno vuol fare una serata tra amici, magari andare a ballare, per fare il furbo dice Dai, andiamo sulla luna, e poi dopo non torna più per via dei vermi.
Che brutta fine.

Standard

30 thoughts on “Un post contro di te

  1. B says:

    E se ti dico che è più facile che tu sia stato sul Emmenthal-Luna piuttosto che ti si siano dimagriti i piedi, tu cosa mi rispondi? Perchè ognuno c’ha delle cose da ribattere sue, alle cose che gli si presentano, soprattutto se poi ci sono dei precedenti. C’è della gente infatti che si entusiasma per delle bugie e vorrebbe che tutti dicessero: “Che bella, la tua verità!”, e invece è solo una bugia, una bugia bella e buona. Perchè non capisci che ti sto dicendo che la tua è Bella e Buona? Lascia perdere che ho detto che è una bugia… Prendi che è Bella e Buona, per una volta! Sei polemico, tu. E anche molto Calimero, anche.
    Ecco, se uno si volesse immedesimare nel destinatario del titolo.

  2. puntoepasta says:

    Non so chi dei due abbia ragione…ma trovo più probabile che si siano allargate le scarpe. I piedi dai, non dimagriscono. ;) Scrivi davvero bene. Mi piace molto leggere i tuoi post.

  3. alessandro says:

    Ecco, vedi, adesso tutti lì a dire che m’entusiasmo per delle cose che non esistono, che me le invento, eh eh, ma invece no, io ho le prove! Non son solo le scarpe quelle gialle che mi eran strette e adesso son comodissime, ma anche le scarpe che agli scorsi saldi, quelli estivi, avevo provato e m’eran scomode, e adesso son andato nel negozio, nello stesso negozio, che c’erano i saldi, e le ho riprovate, lo stesso modello dell’altra volta, e adesso ci sto benissimo, dentro quelle scarpe, e come lo spiegate, fanfaroni, come lo spiegate questo? Non potete, perché non siete i detentori unici della verità cosmica, a differenza di me. ;)

    (grazie per i complimenti. a Celestini non ci avevo mai pensato, in verità)

  4. marcoscud says:

    Posso testimoniare che se perdi 30 Kg le scarpe che più non mettevi perché ti stavano strette e ti facevano male, poi ti sembra che ci balli dentro. Ho riereditato tutte le scarpe da una 30 d’anni ad oggi. Solo quelle del giorno del matrimonio continuano a starmi strette. Che ci sia un qualche significato? :)

  5. poggi.bonsi says:

    Eh! Addirittura! Un post contro di me! Però io non ho sentenziato. E non ho mai scritto che “di sicuro ti sbagli”. Ho posto una domanda: «Non è che ti si sono allargate le scarpe?» Potevi rispondere semplicemente “no”. E non ho sproloquiato. Ho argomentato con razionalità. Forse è questo che ti disturba? La ragione delle scarpe allargate contro la poesia dei piedi dimagriti? Se ci pensi bene, hai dedotto che i piedi sono dimagriti solo perché le scarpe ti vanno più larghe. Quindi, a rigore, le ipotesi sono due: piedi dimagriti oppure scarpe allargate. Allora, non ti dico di prendere un metro per misurarti i piedi – anche perché temo che tu non l’abbia mai fatto prima, quindi non avresti termini di paragone – ma almeno, calza altre scarpe delle tue, e se tutte le tue scarpe adesso ti vanno più larghe – anche quelle della casa in montagna – , va bene, hai i piedi più magri. Che significa anche che il tuo corpo è più instabile, dato che la base d’appoggio sul terreno si è proporzionalmente ridotta. Ora, per non avere problemi di equilibrio, dovresti sperare che ti si ingrassi il labirinto membranoso all’interno dell’orecchio. Altrimenti si, rischi di cadere nei buchi del formaggio. E poi magari dai pure la colpa alla luna. Ecco. Cosa ti può succedere con delle ipotesi sbagliate.
    :-D
    P.S. Comunque è vero, mi piace smontare le tesi. Si, perché non esiste la verità.

  6. poggi.bonsi says:

    Ah, ecco mentre scrivevo il messaggio precedente, hai aggiunto che anche le altre scarpe ti vanno più larghe. Quelle che hai provato l’anno scorso… mmm sei sicuro che la commessa non ti abbia proposto un numero più grande? Magari ha dato un occhio ai tuoi piedi, un occhio clinico, ed ha capito quale fosse la misura adatta. Magari. Non sicuro. Cosa se ne fanno i tuoi piedi di un occhio adesso, non lo so. E comunque vedi, la scorsa volta c’erano i saldi estivi, adesso siamo in inverno, con i riscaldamenti, quindi magari le scarpe in negozio si sono dilatate. E poi come fai ad essere sicuro, dico sicurissimo, che le scarpe che hai provato sono le stesse identiche a quelle provate la scorsa volta. Magari erano quelle della scatola adiacente. Stesso modello, stesso colore, stessa misura, ma con difetto allargante. Eh magari sono rimaste invendute proprio perché avevano quel difetto. Incidentalmente, mi sorprende sapere che hai delle scarpe gialle. Mi viene da pensare alle scarpe di Topolino. E comunque! Non è che hai perso 30 chili? No, perché “darebbe peso” all’ipotesi del prof. marcoscud. Dai che scopriremo la verità.

  7. Alessandro says:

    Non lo so se ho perso trenta chili, non mi peso mica tanto, io; però posso dirti che il peso del mio corpo mi sembra stabile, secondo me se ho perso trenta chili li ho persi tutti nei piedi, perché, a proposito, non so se te l’ho detto, lo sai che mi si son dimagriti i piedi?

  8. cq says:

    per prima cosa volevo esprimere solidarietà ad alessandro e schierarmi visto che mi son beccata la lezioncina anche io ma senza rancore perché, in fondo, forse, poggi la fa un pò anche per noi sta cosa di chiarire e sottolineare e quindi va bene. :)
    e poi anche a me mi hai ricordato Celestini che dice una cosa per cui anche se uno a cui vuoi bene ti dice una bugia gli devi credere uguale, perché sennò che bene è. è facile credere agli altri quando dicono la verità, credere alle loro bugie, invece, quello è proprio amore. e diaciamo che potrebbe anche essere tutta una metafora sul nostro Paese, eh…

  9. poggi.bonsi says:

    Belle le scarpe! E si, sono quelle che “cedono”. Come dicono i commessi nei negozi di scarpe: «cedono». Si si, come dice cq, io sta cosa di chiarire la faccio a fin di bene. Che si fa presto a far poesia, a sognare e a vagabondare tra le parole e poi svegliarsi con la faccia spiaccicata al muro. Poi il mio sport preferito è smontare teorie, si perché con le parole possiamo dire tutto ed il contrario di tutto. E farlo sembrare vero. Vedi Mr.B. Ora però se la mia amata mi dice una bugia, tipo che è stata a fare la calza quando in realtà è stata a far 4 salti in padella con il suo amante, ecco, allora io stacco la spina dell’amore e la riattacco da un’altra tipa. Altro che ti voglio bene. Io posso voler bene una tipa solo se sto bene io. Sennò che bene le dò? Se non ce l’ho io? Quindi se la sua bugia mi fa star non-bene, io non-le-voglio-bene (perché non ce l’ho) e me lo vado a grabbare da un’altra parte: il bene. Per sempre. Amen.

  10. Alessandro says:

    Ma Mr B., da te citato, è parente di B., commentatrice abituale di questo posto? Perché son belle e anche un po’ vere le cose che dici, ma se non mi dirimete questo dilemma io non riesco più a pensare ad altro, saranno parenti? Saranno marito e moglie? Si diranno le bugie spacciandole per verità? Venitemi in soccorso perché io non ne esco più. C’è da non dormirci la notte.

  11. Marcella says:

    Secondo me hai problemi di circolazione, non ti sono dimagriti i piedi, ma si gonfiamo o si sgonfiano a seconda delle stagioni, col caldo e col freddo… Comunque i piedi ingrassano, e come ingrassano dimagriscono pure! A me sono ingrassati :) ma forse e’ la circolazione!

  12. poggi.bonsi says:

    Avevo letto “patente B” invece che “parente di B.” e mi sfuggiva il senso. Non lo so se son patenti, ma Mr.B è potente. si compra tutti. Tutti quelli che si vendono. Certo. Però non mi sembrano patenti. Bisognerebbe chiederlo a B. Mr.B è uomo. Se B. è donna, forse, potrebbero essere marito e moglie. Grazie per il “belle le cose che dici”. Un po’ grazie per “un po’ vere le cose che dici”. E introducesti… il concetto di verità parziale. Può una cosa essere un po’ vera? Si? Vero? Se è un po’ vera, la restante parte è tutta falsa? O è un po’ falsa è un po “Non so”? Tipo, se i tuoi piedi dimagruqquero, e lo sottolinei blu, sei stato un po’ pedante?

  13. alessandro says:

    Lo sapevo che arrivava qualcuno a guardar la luna, lo sapevo, ma io te lo dico, quando il dito indica la luna, lo stolto guarda la luna, invece del dito (del piede) (dimagrito).

  14. poggi.bonsi says:

    Dai, adesso chiudi con la solita storia del dito e della luna!? Mi aspettavo un finale trionfale tipo atto terzo scena quinta. E trombe everywhere. Soprattutto originale.

  15. B says:

    Ma scusate, ma certo che io, B, sono patente di Mr. B, perchè voi, scusate, voi non lo siete? E poi certo che son parente di Mr B, perchè siamo tutti parenti, che io alla storia dei piedi magri di Adamo e a quelli dimagriti di Eva io ci credo. E poi certo che ci diciamo le bugie, io, B, e Mr. B, che è marito di tutti, ci diciamo le bugie su tutto. Io per esempio dico: “Bello l’Arancione!”, e lui dice: “Sì è vero”, e poi dice: “Adesso lo chiudo vah”, e io dico: “No, lascialo stare aperto che ci dice come si fa a mettere i due piedi in una scarpa sola, che è una cosa nuova, e bella”. E così, di bugia in bugia, io, B, commentatrice abituale di questo posto, e Mr. B., parente di tutti, spacciamo la grandissima verità che qui, la luna, in questo posto, è arancione, è un pezzo di formaggio nel fondo, dentro il pozzo della conoscenza, anche.
    Che io, B, l’ho scritto questo commento perchè così Alessandro dorme la notte. Sempre se è vero…

  16. poggi.bonsi says:

    Una cosa è certa. B è una donna. Lo si evince dal suo ultimo post [io, B, commentatrice abituale di questo posto] e dal precedente post di Alessandro [commentatrice abituale di questo posto] che però io, nella fretta, non avevo letto bene. Anzi non avevo letto proprio. Quindi, si, B. potrebbe essere la moglie di Mr.B.. Con o senza portafoglio. Però no, no, io non sono patente o parente di Mr.B.. Lui ha 14 cromosomi con DNA mono-elica a strappo, e quindi non appartiene al genere umano. Che io invece si. Buona notte. E le trombe?

  17. Beh, zio. Scusa ma devo dirtelo. Se non accetti che le persone ti contraddicano…
    … sei come berlusconi.

    Ecco, l’ho scritto. scusa.

  18. ecco, io adesso non ho tanto tempo, ma volevo solo dire che Bill Lee ha ragione, quando ho pensato di fare questo post ho preso le mosse dal tizio che menziona lui, da qui le “prese di posizione ideologizzate” che cito, ma poi sono partito per la tangente come al solito, e ho parlato dei diti e della luna e del formaggio e dei vermi.

  19. Petruschov says:

    Ricollegandomi al post della commentatrice abituale B., la quale è solita dire “Bello l’Arancione!” a Mr. B.: ma non è che l’Arancione, con la maiuscola, si riferisce proprio a Mr. B.? Perché il Mr. B. a cui pensavo io è proprio di quel colore, preso fuori dalle luci dei suoi studi televisivi. Allora il dialogo di B. col marito (suo e altrui) Mr. B. si svolge per esempio quando Mr. B esce da due ore e mezza di toeletta, e B. per non fargli pesare le ore passate davanti allo specchio gli mente dicendo che l’Arancione gli sta proprio bene? Ma allora a cosa si riferisce Mr. B. dicendo “Adesso lo chiudo va’”? Cos’è una cosa che si chiude e che insegna a infilarsi le scarpe in modo eterodosso? Ora sono io che non dormirò più la notte.

  20. B says:

    Che cos’ è quella cosa che chiude ogni giorno (per poi riaprire) e insegna, insegna così tanto che viene voglia di infilarsi le scarpe, nel senso di avere voglia di correre/o di scappare via (vedi disegnetto in alto) in modo eterodosso, nel senso di eretico (vedi disegnetto a destra)?
    Eh?

  21. La Cosa says:

    Anche a me dimagriscono i piedi e non mi crede mai nessuno, non faccio prove con le scarpe ma l’anello a volte mi va largo a volte stringe ;)

Rispondi