vita di blogger

Di blog letterari e di cacca, ma attenti a non invertire le due cose

Io quest’anno su questo blog ci ho anche scritto poco, e poi cosa succede, non vai neanche alla Blogfest, che è uno di quei raduni dove quelli che hanno un blog si trovano e si raccontano le loro cose, non ci vai neanche e scopri, mentre sei da tutta un’altra parte, mentre sei agli antipodi di quel posto che si chiama Riva del Garda dove Gianluca Neri organizza la Blogfest, sei dentro un ristorante, non ti senti neanche in colpa perché son le dieci di sera e devi ancora mangiare, sei in un ristorante dove il telefono non prende neanche bene, bisogna lasciarlo in bilico su un angolo del tavolo perché abbia un po’ di segnale, ti arrivan dei messaggi che ti dicon che il tuo blog ha vinto, ha vinto il titolo di miglior blog letterario, e tu non ci credi, perché lo sai che il blog ultimamente lo hai anche un po’ trascurato, e lo sai, anche se quel premio lì lo hai già vinto una volta, che coi blog letterari non ci hai niente a che fare, che i blog letterari son altri, e tu non li vorresti neanche guardare col binocolo, i blog letterari, perché i blog letterari, diciamocelo, in generale fan schifo ai cani, e te t’han messo lì in mezzo, in mezzo ai blog letterari, che anche gli altri che c’erano in lizza eran blog strani, non eran mica tanto letterari, nel senso che non eran blog che facevano schifo ai cani, come di solito fan i blog letterari, e anzi, quest’anno ce n’eran anche di belli, e comunque ti arrivan dei messaggi, te pensi che sian degli scherzi, e invece poi no, perché ti arrivan da delle fonti diverse che non possono essersi messe d’accordo tra di loro per farti degli scherzi, e alla fine ti convinci che è vero, che il blog sul quale scrivi, solo ogni tanto perché ti accorgi che nell’ultimo anno lo hai un po’ trascurato, ti accorgi che questo blog qua ha vinto il premio come miglior blog letterario del duemilaundici, non ti capaciti del perché, ma poi il giorno dopo ci son dei giornali che hanno gli articoli, dove ci son gli osanna e i gloria e le trombette degli angeli, e niente, grazie a tutti.

Poi stamattina mi son alzato, mi son pesato con la maglietta e le mutande, avevo preso un chilo. Son un po’ ossessionato ultimamente con questa faccenda del peso, mi son detto devo perder dei chili e mi peso tutte le mattine, solo che tutte le volte che vado in giro, prendi un po’ di salciccia, prendi un po’ di focaccia, torno a casa che ho preso un chilo. Poi mi son fatto un caffè, poi m’è venuto da fare la cacca e se c’eran dei premi per la cacca secondo me vincevo un premio anche per quello, il blog letterario con la cacca più grossa del mondo. Poi mi son tolto tutto, mi son pesato nudo dopo che avevo fatto la cacca, non mi son capacitato, con tutta la cacca che avevo fatto, e senza vestiti, pesavo uguale a prima.
Non lo so se lo volevi sapere, ma magari te lo sei anche chiesto, ma magari non te lo eri mai chiesto e non lo volevi sapere, ma adesso lo sai, che anche i blog letterari, anche loro, fanno la cacca. Che peraltro sembra essere tantissima ma poi non pesa niente.

Standard

43 thoughts on “Di blog letterari e di cacca, ma attenti a non invertire le due cose

  1. Vede, lei segue altri sentieri, altre focacce, altre salciccie, quelli la votano e lei vince. E quelli, con licenza parlando, siamo contenti.

  2. Mi ricorda quando Il Grande Fratello si beccò il Telegatto come miglior trasmissione CULTURALE dell’anno e Cecchi Paone se la prese un attimino, perché lui s’è sempre sbattuto tanto, giorno e notte per la sua Macchina del Tempo, poi arrivano quei cagoni (per riagganciarmi alla tematica del tuo post) del Grande Fratello e gli fregano la statuetta. Secondo me lo fanno apposta a far vincere cose che non c’entrano tantissimo – tu la letteratura la fai, ma mica ne parli tanto quassù -, per far arrabbiare qualcuno che sanno loro.

  3. Io sono del parere che le cose che uno ottiene se le deve godere. Poi puoi anche arrovellartici sopra, pensare a come migliorare, ma poi cavolo, pensa a che brutto stare lì al ristorante, col cellulare che prende e non prende, a guardare focaccia e salsiccia mentre gli altri si abbuffano. Goditelo questo chilo in più!

  4. cica says:

    E niente, sul pesarsi e sulla cacca non ho mica tanto da dire, però sul fatto che hai vinto il premio come miglior blog letterario una cosa da dire ce l’ho: congratulazioni!!! Te lo meriti… anche se è vero che non sei mica più tanto presente, ma adesso tu fai così: scrivi tutti i giorni qua, così l’anno prossimo non ti senti piu in colpa ;-)

  5. Congratulazioni Alessandro, premio meritatissimo, il tuo è davvero il miglior blog letterario del paese. O se non altro, è di gran lunga il mio preferito.

  6. cq says:

    Ecco, io, per esempio, ti ho votato perché è la prima volta che voto per questo premio e ci tenevo a votare te, anche se c’erano altri blog che mi aggradano non poco (tipo ciclofrenia), però a te ci sono affezionata e diciamo che il mio è un voto di concetto (che bruttura) e di moltegrazieperquestiannniincuitiholetto.
    Piuttosto mi è sembrato stupido essere obbligata a votare per categorie nelle quali c’erano blog che non ho mai letto e quindi magari ho votato proprio dei blog che fanno la cacca, non nel senso in cui fa la cacca il tuo, in quell’altro, quello più negativamente inteso.
    complimenti. baci. applausi. SIPARIO.

  7. Uanna Dens says:

    ti dirò, anche a me è capitato di pesarmi prima e dopo la cacca. ci eravamo comprati la bilancia dell’ikea che prima non ci pesavamo mai ma poi ci siamo detti: sarà meglio pesarci, la bilancia non costa tanto e si intona di colore. Comunque, dopo la cacca pesavo meno. Ma decisamente. E non era stata neanche una cosa esagerata. Dunque giungo a questa conclusione: a parte l’alimentazione (va’ che mangio normale, mica sono vegan-vegetariana-fibre ecc.cc.) secondo me la cacca ha un peso diverso a seconda dell’individuo che la produce. Esattamente come i blog letterari.

  8. marcantonio says:

    secondo me, il Signor Neri, l’anno prossimo si inventa anche la classifica dei miglior blog scatologici

  9. Non basta fare la cacca, per vedere il peso calare. Devi anche:
    - soffiarti il naso, fortissimo
    - scatarrare per almeno un minuto
    - farti la barba
    - accorciarti i capelli
    - tagliarti le unghie (mani e piedi)
    - depilarti completamente
    - piangere per almeno venti minuti
    In alternativa, puoi sempre tenerti i chili in più e goderti la fama e la gloria.

  10. illetterato fedele says:

    e sarà anche che il tuo non è un blog letterario ma, a me, è uno di quelli che mi piace sempre di leggere

  11. illetterato fedele says:

    @MaiMaturo mai pensato di raccogliere i suoi consigli in un libro: “Liberarsi poco alla volta di sè stessi for Dummies?”

  12. illetterato fedele says:

    io penso che pur avendo fatto la cacca non sei calato di peso perchè l’oppressione (peso psicologico) del premio ricevuto, quella, non si riesce mica a levarsela di dosso defecando

  13. Ho scoperto il tuo blog, per via di questa storia del blogfest, non so se il tuo è un blog letterario, che poi sta menata delle categorie serve solo a semplificare, ma questa è un’altra faccenda, dunque dicevo, il tuo blog mi piace; uno che decide di scrivere il primo post, post premio rivolgendo l’attenzione alla sua cacca fa pensare, “stimola”.

  14. Sarastata una cagata isterica. Come la gravidanza.
    Hai creduto di cagare ma in realta
    non l’hai fatto, solo una scoreggia nel vento.
    Oppure la tua bilancia e` da sistemare.

  15. Pensavo pesasse, la cacca. Comunque, preferisco la gente che pesa, e che mangia, alla gente che non pesa, e che non mangia. Congratulazioni, davvero.

  16. Sissi says:

    Non so bene la definizione di blog letterario…ma uno che scrive salCiccia invece salsiccia mica lo so se lo merita il premio…però sei troppo simpatico!

  17. Cica says:

    @Sissi: esiste anche salCiccia: dal Devoto Oli “salciccia termine popolare per salsiccia” Che Alessandro qui non dice mica le cose a pera, veh!

  18. Becco i vincenti solo nei concorsi dei blog, mai una volta nelle elezioni politiche. e neanche nelle corse dei cavalli, eppure la quantità di cacca è la stessa. Comunque la tua è quella che preferisco, ché la servi da gran Signore.
    Mi auguro che ritroverai lo stimolo di una volta. Complimenti sinceri

  19. nonnablogger says:

    non ci sono più i blogger di una volta. ai miei tempi in caso di vittoria veniva offerto spumante a tutti, oggi si parla di cacca. però hai ragione tu ogni giorno siamo sempre di più nella m….
    bravo complimenti.

  20. zerodx says:

    Complimenti!! Per me vinci sempre anche perchè sei l’unico blogger che seguo, ma mi sa che ho scelto bene.

  21. marcantonio says:

    che poi, stasera, seduto sulla tazza, pensavo a quegli argomenti qua e, per quel che mi riguarda, non son mica poi neanche tanto slegati tra loro: quando scrivo un post e dopo lo leggo mi vien da defecare, come blogger sono ‘na frana, ma come lassativo ci ho il mio bel futuro roseo marròn davanti

  22. ma sai che anch’io mi peso tutte le mattine. e delle volte ho provato a ripesarmi dopo aver fatto la cacca. che sembrava pure tanta, delle volte di quelle volte. eppure la bilancia non se ne è mai accorta.

  23. Magica says:

    Niente contro la cacca per carità, anzi, la stitichezza è un tormentone, può darsi che io sia molto primitiva, ma perdio, goditi questo premio che se te lo sei guadagnato qualche buon motivo non allegato alla cacca ci dev´essere, no ?
    Bravissimo, tantissimi augurissimi eh !!

  24. Magica says:

    Niente contro la cacca per carità, anzi, la stitichezza è un tormentone, può darsi che io sia molto primitiva, ma perdio, goditi questo premio che se te lo sei guadagnato qualche buon motivo non allegato alla cacca ci dev´essere, no ?
    Bravissimo, tantissimi augurissimi eh !!

  25. Che un blog letterario faccia la cacca, questo lo sapevo, si. e anche che puzza e che pure non perde mica chili che per pesare chili la cacca deve essere una valanga ma io ho sempre pensato alle fighe, piuttosto che per me è strano che cagano.

  26. AndreaF says:

    Premio a mio avviso meritatissimo!! Complimenti!!
    Un piccolo appunto sulle pesate prima e post cacca..osserva il tuo prodotto e pesati solo se affonda. Se galleggia lascia pure perdere.

  27. Pingback: InFormaTarty » Blog Archive Miglior blog letterario 2011

Rispondi