Ci son delle donne, le vedi la mattina presto sui treni, le guardi e ti dici che magari sarebbero anche delle belle donne, ma così, la mattina presto, con quegli occhi pesti, con quello sguardo lì un po’ ebete, magari sarebbe meglio che le donne belle non si svegliassero presto al mattino. O per lo meno, bisognerebbe che non andassero tanto in giro. Quelle brutte va bene, ma quelle belle secondo me no. Poi comunque io son bello anche al mattino.
Adesso vado che devo scendere. Chissà se dopo sceso, gli mancherò, al treno.